La Vendita on-line si è trasferita su OkCialde.it - Clicca qui e vieni a Trovarci!

Di che cosa stiamo parlando?

Ventuno anni di macchine. O 20 miliardi di caffè gustati sul posto di lavoro e a casa? Trentamila persone che lavorano a distribuire le macchine o 5 aziende che le producono? Diciannove modelli principali di piccoli elettrodomestici per l’espresso fai da te con 211 varianti di accessori color i- funzioni disponibili o 12 architetti, ingegneri, designer e progettisti che hanno disegnato il tutto? Quasi tre milioni di macchine negli uffici e nelle case del mondo – di cui una regolarmente sul mercato da 20 anni - o 5 nuovi modelli sfornati negli ultimi mesi? Ottantotto Paesi del globo terracqueo o 3 sistemi di cialde? Nove sapori differenti sulla punta della lingua o una babele di lingue attorno a un caffè degustato da milioni di esseri umani? È una storia sola, fatta di tante piccole grandi storie. Sono ventuno anni di progetti, tecnologie e sistemi pensati da Lavazza per portare nei più variegati luoghi di lavoro e in ogni casa che lo desideri, il piacere di un vero espresso italiano. Ogni cosa, ogni punto di questa galassia in piena attività, si regge su un unico principio: “È il caffè che fa la differenza!” Una differenza sedimentata nei 115 anni di storia di un’azienda che non si dedica ad altro: trasformare un frutto della natura in una bevanda che scenda bollente nella tazza, obbedendo a quella complessa alchimia di densità, colore, sapore e aroma che in parole semplici viene descritta come “un caffè all’italiana”. Il caffè italiano per sua tradizione si divide in due grandi filoni: quello che viene preparato in casa tramite una caffettiera, in genere di tipo moka (equivalente a circa il 65% dei consumi nazionali) e il caffè espresso che viene servito al bar. Espresso significa “fatto velocemente” e sta a indicare la velocità con cui il caffè sotto pressione viene estratto e servito in tazza. Qui vogliamo parlare di quello specifico espresso che Lavazza, grazie a un’innovazione industriale senza eguali, a partire dalla seconda metà degli anni 80, ha reso disponibile dapprima sui posti di lavoro, nelle metropolitane, nelle stazioni, negli aeroporti e infine dal 2007 anche reperibile nei supermercati. È il “self made” espresso, estratto al momento in virtù di una serie di piccole macchine automatiche o manuali e alle apposite cialde protette che rendono il caffè macinato e porzionato sempre fresco, integro, gustoso. In particolare la storia che vi raccontiamo si concentra sulle macchine per espresso che vengono usate nei luoghi di lavoro e a casa, non prendendo quindi in considerazione le più voluminose macchine a cialda e neppure i medi e grandi totem, denominati “vending machines” che si trovano nelle grandi aziende, negli ospedali, nelle scuole e nei suddetti luoghi di transito. In conclusione questo piccolo libro, inquadra da lontano le tecnologie, i sistemi e le reti di vendita Lavazza che hanno generato il fenomeno socio-economico dell’espresso fai da te, e si focalizzano sulle macchine che l’azienda, con l’ausilio di numerosi progettisti, ha prodotto a partire dal 1989. Con quali occhi guarderemo queste piccole architetture elettriche che accendendosi e scaldandosi “esprimono” la magia di una bevanda corroborante? Le guarderemo con gli occhi del design: quel linguaggio essenziale – come la verità e la natura – con cui riusciamo a leggere lo scorrere del tempo e il passare delle mode, l’affacciarsi di una nuova tecnica e la nascita di un materiale, l’evoluzione dell’essere umano e dei suoi strumenti.

Il tuo indirizzo IP è: 54.198.165.74
Copyright © 2017 MacchinetteLavazza.IT. Powered by Zen Cart